DROUOT

Le réservoir

Le Réservoir - Art & Patrimoine - +33 4 48 79 84 70 - Email

34200 Sète, Francia
Informazioni sull'asta Condizioni di vendita
Galleria
139 risultati

0016 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 30, 2017, Fotografia, 100 x 150 x 4 cm, Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa grazie al lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, troneggiante in tutta la sua nobiltà.Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine, come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e nei servizi televisivi di M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

3.500 EUR

0017 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 33, 2017, Fotografia, 50 x 70 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa grazie al lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà.Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie risultante dal suo lavoro si intitolaRequiem perpianofortie lo ha reso noto a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

3.500 EUR

0018 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 93, 2019, Fotografia, 60 x 90 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa, grazie al lavoro della madre nel campo della fotografia patrimoniale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà".Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine, come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e nei servizi televisivi di M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.500 EUR

0019 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 4, 2014, Fotografia, 60 x 90 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa grazie al lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà".Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.500 EUR

0021 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 28, 2017, Fotografia, 50 x 70 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa grazie al lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nelmezzo di uno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà.Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiemfor Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.000 EUR

0022 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 31, 2018, Fotografia, 50 x 70 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa grazie al lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà".Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o trattato il suo lavoro nelle loro pagine, come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.000 EUR

0038 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 114, 2017, Fotografia, 60 x 90 x 4 cm, Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa grazie al lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, troneggiante in tutta la sua nobiltà.Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine, come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e nei servizi televisivi di M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.500 EUR

0039 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforte - N°108, 2021, Fotografia, 60 x 90 cm, Lavoro firmato. Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa seguendo il lavoro di sua madre, specializzata in fotografia del patrimonio culturale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di un centinaio di pianoforti, in altrettanti luoghi di una bellezza stupefacente. Scene dalle quali non cambia mai nulla, lasciando il luogo così com'è".Anche inmezzo a uno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato con tutta la sua nobiltà".Oltre al suo lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, l'enteretý dei suoni dei pianoforti che scopre. Gli permetteranno di costruire una collezione di strumenti virtuali che metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando a centinaia di musicisti in tutto il mondo l'opportunitàý di farli suonare.Questa ricerca ha portato Hiḿ in gran parte dell'Europa e negli Stati Uniti. La serie risultante dal suo lavoro si intitolaRequiemper pianofortie si è fatto conoscere a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine, come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e nei servizi televisivi di M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.500 EUR

0065 - MONKEY BIRD - Monkey Bird, Celaphore I, 2016, Stencil e calligrafia su legno. Creata nel 2012, la Monkey Bird Crew (MBC) è un collettivo di due giovani artisti che si sono incontrati sui banchi della Scuola d'Arte Visiva Créasud di Bordeaux. Témor, appassionato di design e graffitista, e Blow, poeta e appassionato di illustrazione e design grafico. Artisti dello stencil noti per la precisione del tratto e la finezza del taglio, interamente eseguiti a mano, sono specializzati in rappresentazioni di architetture metafisiche in cui convivono l'Uccello ("Blow") e la Scimmia ("Temor"). "Siamo partiti dall'idea che gli uccelli sono liberi e le scimmie sono abili. Infatti, fin dall'inizio, entrambi gli artisti hanno il loro animale. Tra simbolo ed etologia, Blow rappresenta la comunicazione del gruppo: un discreto uccello notturno, abile nella poesia e nelle filosofie artistiche. Come la scimmia, Témor è un perfezionista pieno di risorse che combina umorismo e arguzia. Ispirati da trattati di geometria, meccanica, cosmologia e astronomia, per creare le loro opere utilizzano tutti i tipi di supporti e mezzi, tra cui l'illuminazione e la calligrafia.Inoltre, sono ossessionati dall'idea di reintrodurre la presenza di animali sui muri delle città. Questi animali, non molto diversi da quelli delle famose favole di La Fontaine, ci ricordano maliziosamente le nostre preoccupazioni umane, a metà strada tra il desiderio di libertà ed elevazione e le ossessioni materiali e corporee da cui l'uomo non può liberarsi. "Vogliamo proporre una lettura letteraria dell'immagine: Monkey Bird è l'insieme di un'alchimia dei nostri due pensieri, un legame tra lo spirito e la materia. È ancora una presa in giro come all'inizio, con la tecnica affinata oggi. Se investono i muri delle città (Parigi, dove vivono, Lille, Bordeaux ma anche Amsterdam, Nuova Delhi e diverse città del Messico), producono anche opere su vari materiali di recupero (legno, metallo, vetro) e su carta.

3.000 EUR

0100 - Marion Sagon - Marion Sagon, L'Air, Acrilico su tela, 2021, 40 x 30 cm, Un lavoro unicoBio.Marion Sagon è nata in Francia nel 1983 e lavora tra Francia, Paesi Bassi e Inghilterra. Si è diplomata all'École Supérieure des Beaux-Arts de Montpellier Agglomération nel 2011.Lavoro. Con i suoi disegni digitali di grandi dimensioni, Marion Sagon ci invita a un viaggio, o meglio a un viaggio di andata e ritorno, tra i mondi virtuali che costruisce e la nostra posizione nella realtà. I suoi paesaggi digitali, poi pittorici nel desiderio di riprodurre l'atto della macchina, mescolano architetture che fotografa durante le passeggiate urbane e immagini paesaggistiche raccolte su Internet. Le opere creano finestre nello spazio della galleria che si aprono su questi nuovi mondi in cui natura e costruzione umana si mescolano in perfetto equilibrio.Attraverso il suo lavoro, rivela il nostro mondo - una combinazione di costruito e naturale - come un insieme di forme intercambiabili, che gradualmente diventano uniformi. I suoi ambienti digitali mettono in discussione le nostre abitudini visive proponendo universi familiari, quelli delle periferie delle città, delle architetture banali o dei paesaggi circostanti, in un insieme che invita alla contemplazione e, per estensione, alla domanda: in che modo l'uomo, appropriandosi della natura, ha "geo-masterizzato" il suo ambiente? Marion Sagon , Bellissimo tramonto, Acrilico su tela, 2021, 120 x 90 cm, Opera unica e firmataBio.Marion Sagon è nata in Francia nel 1983 e lavora tra Francia, Paesi Bassi e Inghilterra. Si è diplomata all'École Supérieure des Beaux-Arts de Montpellier Agglomération nel 2011.Lavoro. Con i suoi disegni digitali di grandi dimensioni, Marion Sagon ci invita a un viaggio, o meglio a un viaggio di andata e ritorno, tra i mondi virtuali che costruisce e la nostra posizione nella realtà. I suoi paesaggi digitali, poi pittorici nel desiderio di riprodurre l'atto della macchina, mescolano architetture che fotografa durante le passeggiate urbane e immagini paesaggistiche raccolte su Internet. Le opere creano finestre nello spazio della galleria che si aprono su questi nuovi mondi in cui natura e costruzione umana si mescolano in perfetto equilibrio.Attraverso il suo lavoro, rivela il nostro mondo - una combinazione di costruito e naturale - come un insieme di forme intercambiabili, che gradualmente diventano uniformi. I suoi ambienti digitali mettono in discussione le nostre abitudini visive proponendo universi familiari, quelli delle periferie delle città, delle architetture banali o dei paesaggi circostanti, in un insieme che invita alla contemplazione e, per estensione, alle domande: in che modo l'uomo, appropriandosi della natura, ha "geo-masterizzato" il suo ambiente?

580 EUR

0112 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti N°2, 2016, Fotografia, 50 x 75 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa, grazie al lavoro della madre nel campo della fotografia patrimoniale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà".Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.000 EUR

0113 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforte N°10, 2008, Fotografia, 50 x 75 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa, grazie al lavoro della madre nel campo della fotografia patrimoniale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà.Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato in molte parti d'Europa e negli Stati Uniti. La serie delle sue opere si intitola Requiem per pianoforti e gli ha procurato un riconoscimento internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.000 EUR

0114 - Romain Thiery - Romain Thiery, Requiem per pianoforti n. 75, 2016, Fotografia, 60 x 90 x 4 cm, Lavoro firmato Romain Thiery, nato a Bergerac nel 1988, è un artista fotografo che vive e lavora vicino a Montpellier. Romain è un pianista dilettante che ha iniziato a fotografare più di quindici anni fa, grazie al lavoro della madre nel campo della fotografia patrimoniale.Romain Thiery ritiene che il pianoforte sia profondamente radicato nel profondo della nostra cultura e ha cercato di esplorare lo strumento da una prospettiva originale. Ha deciso di unire le sue due più grandi passioni e si è messo alla ricerca di edifici in cui i vecchi pianoforti sono lasciati al degrado. Dal 2014 ha scoperto più di cento pianoforti, in altrettanti luoghi di suggestiva bellezza. Non cambia mai nulla, lasciando il posto così com'è.Anche nel mezzo diuno spazio degradato, il pianoforte non cessa di conservare la sua potenza. È lì, intronizzato in tutta la sua nobiltà.Oltre al lavoro fotografico, Romain registra in loco, quando possibile, nota per nota, tutti i suoni dei pianoforti che scopre. Questi saranno utilizzati per creare una collezione di strumenti virtuali che l'artista metterà a disposizione del pubblico online e in occasione delle sue mostre. Questo metodo gli permette di creare un modello sonoro realistico, di immortalare il suono di questi pianoforti e di catturarne l'identità. Queste librerie di campioni daranno una seconda vita a pianoforti abbandonati e talvolta difficili da raggiungere, dando la possibilità a centinaia di musicisti in tutto il mondo di farli suonare.Questa ricerca lo ha portato a visitare gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti. La serie che ne è scaturita si intitola Requiem for Pianos ed è stata riconosciuta a livello internazionale. Negli ultimi anni ha vinto importanti premi internazionali di fotografia in vari concorsi. Le sue mostre personali e collettive sono state visitate in Nord America, Europa e Asia. Le sue fotografie sono state esposte in gallerie e festival a New York, San Francisco, San Pietroburgo, Tokyo, Seoul, Parigi, Madrid, Tel Aviv e molti altri.Le più prestigiose testate giornalistiche hanno già elogiato o coperto il suo lavoro nelle loro pagine come El País, Der Spiegel, The Guardian, Daily Mail, Lonely Planet, Cultura Inquieta, Point de vue, Esquire, Beijing News... e in servizi televisivi su M6 (Francia), DW (Germania), Channel Cuatro (Spagna), TV5 Monde (Francia) e I24 News (Francia e Israele).

1.500 EUR

0124 - MONKEY BIRD - Monkey Bird, Anagogia, 2021, Litografia, 52 x 52,5 cm, Lavoro firmato. Creata nel 2012, la Monkey Bird Crew (MBC) è un collettivo di due giovani artisti che si sono incontrati sui banchi della Scuola d'Arte Visiva Créasud di Bordeaux. Témor, appassionato di design e graffitista, e Blow, poeta e appassionato di illustrazione e design grafico. Artisti dello stencil noti per la precisione del tratto e la finezza del taglio, interamente eseguiti a mano, sono specializzati in rappresentazioni di architetture metafisiche in cui convivono l'Uccello ("Blow") e la Scimmia ("Temor"). "Siamo partiti dall'idea che gli uccelli sono liberi e le scimmie sono abili. Infatti, fin dall'inizio, entrambi gli artisti hanno il loro animale. Tra simbolo ed etologia, Blow rappresenta la comunicazione del gruppo: un discreto uccello notturno, abile nella poesia e nelle filosofie artistiche. Come la scimmia, Témor è un perfezionista pieno di risorse che combina umorismo e arguzia. Ispirati da trattati di geometria, meccanica, cosmologia e astronomia, per creare le loro opere utilizzano tutti i tipi di supporti e mezzi, tra cui l'illuminazione e la calligrafia.Inoltre, sono ossessionati dall'idea di reintrodurre la presenza di animali sui muri delle città. Questi animali, non molto diversi da quelli delle famose favole di La Fontaine, ci rimandano maliziosamente alle nostre preoccupazioni umane, a metà strada tra il desiderio di libertà ed elevazione e le ossessioni materiali e corporee da cui l'uomo non può liberarsi. "Vogliamo proporre una lettura letteraria dell'immagine: Monkey Bird è l'insieme di un'alchimia dei nostri due pensieri, un legame tra lo spirito e la materia. È ancora una presa in giro come all'inizio, con la tecnica affinata oggi. Se investono i muri delle città (Parigi, dove vivono, Lille, Bordeaux ma anche Amsterdam, Nuova Delhi e diverse città del Messico), producono anche opere su vari materiali di recupero (legno, metallo, vetro) e su carta.

250 EUR