Descrizione

*IMPORTANTE RILIEVO GNOSTICO Pietra calcarea 74 x 89,5 x 10 cm Arte romana, III secolo Provenienza Ex collezione della Germania meridionale negli anni '80 Vendita anonima; Gorny Mosch, Monaco, 22 giugno 2005, lotto 99 Ex vendita Christie's NY, 16/12/2010, lotto 197 ($ 200 000 - 300 000) Collezione della Fondazione Gandur per l'arte, Svizzera Pubblicazione MELA. C., MÖRI. F., Alessandria la Divina, vol. II, fig. 143 Per un'iconografia simile Statuetta di Anubi anguiforme, Museo Nazionale di Varsavia, Inv. n. 148140 MNW (fig.1) Statua in marmo di Hermanubis, II secolo, Musei Vaticani, Museo Gregoriano egizio (fig.2) Intaglio su diaspro raffigurante Abraxas, arte romana del I-III secolo, Cabinet des Médailles, Parigi, Schlumberger.318, (fig.3) Frammento di bassorilievo di Vyala Yaksha, I secolo a.C., Curzon Museum of Archaeology, Mathura, ACCN 42-2944 (fig.4) Scolpita in altorilievo, questa scena mostra una divinità composita all'interno di un'architettura a forma di edicola, il cui frontone è decorato al centro con una conchiglia incavata. Ha una testa di sciacallo, un corpo umano e due serpenti come gambe. Si tratta infatti di una forma insolita di Hermanubis in Abraxas. Un ibrido raro e particolarmente ben eseguito. Le squame dei serpenti sono finemente marcate, la testa si alza nello spazio lasciato libero su entrambi i lati. Il busto e le braccia della figura sono quelli di un uomo virile, mentre la testa è quella di un cane o di un lupo girato verso sinistra (identificata come quella del dio egizio Anubi dalla testa di sciacallo). Per quanto riguarda l'abbigliamento, questo essere metà umano e metà animale indossa un exomid, un indumento da lavoro fatto con la pelle di un animale con gli zoccoli spaccati, legato sulla spalla sinistra per liberare il braccio destro. Nella mano destra tiene una chiave con denti ben marcati e nella mano sinistra un caduceo, due papaveri e due palme, mentre dalla testa spuntano due spighe di grano. Su una prima tavola d'offerta, a sinistra dell'immagine, è posta una testa d'ariete mozzata. Un secondo tavolo d'offerta a destra, con un piede e una testa e una zampa di leone, è posto sul lato sinistro del primo tavolo, su cui è posta una torta. Raffigurato in scala ridotta, un uomo barbuto si pone in atteggiamento di supplica con un ginocchio a terra davanti al tavolo, presentando il dolce e alzando la testa verso il dio ibrido. L'identificazione precisa di questa divinità sincretica sembra a prima vista poco chiara. Si tratta principalmente dell'associazione di due divinità: Hermanubis, un'associazione tra le divinità psicopompe greche ed egizie Ermete e Anubi (attributi ctonici come il caduceo, la chiave, i papaveri e le spighe di grano) (fig.1-2). E Abraxas, spesso presente sugli intagli gnostici, doppiamente anguiforme ma generalmente rappresentato con una testa di gallo e una frusta in mano (fig. 3). Questa rappresentazione associa quindi due divinità psicopompe sotto forma di un unico Hermanubis (apparso in epoca tolemaica) e Abraxas, la cui anatomia si riferisce alle forze del male che scaturiscono dalla terra. Inoltre, la testa di ariete sulla tavola di sinistra, molto singolare, ricorda un'offerta specifica al lupo, tanto più che gli abitanti di Licopoli erano tra i consumatori della carne di questo animale (PLUTARCH, Iside e Osiride, 72). Quanto alla pelle di animale, che funge da esomide per la divinità, potrebbe ricordare la pelle d'asino, animale impuro con affinità con Tifone (ibid., 30), a riprova del fatto che il male e la sterilità sarebbero qui sconfitti da Anubi, figlio di Osiride e Iside, mentre le spighe della vita e della rinascita scaturiscono dalla testa del dio. Così, l'oratore a destra del monumento implora una divinità protettrice di cui si sottolinea il carattere terrificante. Questo monumento in pietra calcarea, probabilmente alessandrino, proviene probabilmente da una delle necropoli alessandrine frequentate nel III secolo d.C.. Rilievo gnostico romano alessandrino in calcare, scolpito in altorilievo, raffigurante Hermanubis-Abraxas in una scena di offerta. III secolo d.C. Scolpita in altorilievo, questa scena presenta all'interno un'architettura a forma di edicola (cappella), il cui frontone è decorato al centro da una conchiglia scavata, una divinità in forma composita. Presenta una testa di sciacallo, un corpo umano e, come gambe, due serpenti. Si tratta in realtà di una forma insolita di Hermanubis en Abraxas. Un'ibridazione rara e particolarmente ben eseguita. Le squame dei serpenti sono finemente marcate, la testa si alza nello spazio lasciato libero su entrambi i lati. Il busto e le braccia della figura sono quelli di un uomo virile, mentre la testa è quella di un cane o di un lupo rivolto a sinistra (che verrà identificata come quella del dio egizio Anubi con la testa di sciacallo). Per quanto riguarda l'abbigliamento, questo essere metà umano e metà animale indossa un exomide, un indumento da lavoro, formato dalla pelle di un animale con zoccoli, legato sulla spalla sinistra per liberare il braccio destro. Con la mano destra,

Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

361 
Vai al lotto
<
>

*IMPORTANTE RILIEVO GNOSTICO Pietra calcarea 74 x 89,5 x 10 cm Arte romana, III secolo Provenienza Ex collezione della Germania meridionale negli anni '80 Vendita anonima; Gorny Mosch, Monaco, 22 giugno 2005, lotto 99 Ex vendita Christie's NY, 16/12/2010, lotto 197 ($ 200 000 - 300 000) Collezione della Fondazione Gandur per l'arte, Svizzera Pubblicazione MELA. C., MÖRI. F., Alessandria la Divina, vol. II, fig. 143 Per un'iconografia simile Statuetta di Anubi anguiforme, Museo Nazionale di Varsavia, Inv. n. 148140 MNW (fig.1) Statua in marmo di Hermanubis, II secolo, Musei Vaticani, Museo Gregoriano egizio (fig.2) Intaglio su diaspro raffigurante Abraxas, arte romana del I-III secolo, Cabinet des Médailles, Parigi, Schlumberger.318, (fig.3) Frammento di bassorilievo di Vyala Yaksha, I secolo a.C., Curzon Museum of Archaeology, Mathura, ACCN 42-2944 (fig.4) Scolpita in altorilievo, questa scena mostra una divinità composita all'interno di un'architettura a forma di edicola, il cui frontone è decorato al centro con una conchiglia incavata. Ha una testa di sciacallo, un corpo umano e due serpenti come gambe. Si tratta infatti di una forma insolita di Hermanubis in Abraxas. Un ibrido raro e particolarmente ben eseguito. Le squame dei serpenti sono finemente marcate, la testa si alza nello spazio lasciato libero su entrambi i lati. Il busto e le braccia della figura sono quelli di un uomo virile, mentre la testa è quella di un cane o di un lupo girato verso sinistra (identificata come quella del dio egizio Anubi dalla testa di sciacallo). Per quanto riguarda l'abbigliamento, questo essere metà umano e metà animale indossa un exomid, un indumento da lavoro fatto con la pelle di un animale con gli zoccoli spaccati, legato sulla spalla sinistra per liberare il braccio destro. Nella mano destra tiene una chiave con denti ben marcati e nella mano sinistra un caduceo, due papaveri e due palme, mentre dalla testa spuntano due spighe di grano. Su una prima tavola d'offerta, a sinistra dell'immagine, è posta una testa d'ariete mozzata. Un secondo tavolo d'offerta a destra, con un piede e una testa e una zampa di leone, è posto sul lato sinistro del primo tavolo, su cui è posta una torta. Raffigurato in scala ridotta, un uomo barbuto si pone in atteggiamento di supplica con un ginocchio a terra davanti al tavolo, presentando il dolce e alzando la testa verso il dio ibrido. L'identificazione precisa di questa divinità sincretica sembra a prima vista poco chiara. Si tratta principalmente dell'associazione di due divinità: Hermanubis, un'associazione tra le divinità psicopompe greche ed egizie Ermete e Anubi (attributi ctonici come il caduceo, la chiave, i papaveri e le spighe di grano) (fig.1-2). E Abraxas, spesso presente sugli intagli gnostici, doppiamente anguiforme ma generalmente rappresentato con una testa di gallo e una frusta in mano (fig. 3). Questa rappresentazione associa quindi due divinità psicopompe sotto forma di un unico Hermanubis (apparso in epoca tolemaica) e Abraxas, la cui anatomia si riferisce alle forze del male che scaturiscono dalla terra. Inoltre, la testa di ariete sulla tavola di sinistra, molto singolare, ricorda un'offerta specifica al lupo, tanto più che gli abitanti di Licopoli erano tra i consumatori della carne di questo animale (PLUTARCH, Iside e Osiride, 72). Quanto alla pelle di animale, che funge da esomide per la divinità, potrebbe ricordare la pelle d'asino, animale impuro con affinità con Tifone (ibid., 30), a riprova del fatto che il male e la sterilità sarebbero qui sconfitti da Anubi, figlio di Osiride e Iside, mentre le spighe della vita e della rinascita scaturiscono dalla testa del dio. Così, l'oratore a destra del monumento implora una divinità protettrice di cui si sottolinea il carattere terrificante. Questo monumento in pietra calcarea, probabilmente alessandrino, proviene probabilmente da una delle necropoli alessandrine frequentate nel III secolo d.C.. Rilievo gnostico romano alessandrino in calcare, scolpito in altorilievo, raffigurante Hermanubis-Abraxas in una scena di offerta. III secolo d.C. Scolpita in altorilievo, questa scena presenta all'interno un'architettura a forma di edicola (cappella), il cui frontone è decorato al centro da una conchiglia scavata, una divinità in forma composita. Presenta una testa di sciacallo, un corpo umano e, come gambe, due serpenti. Si tratta in realtà di una forma insolita di Hermanubis en Abraxas. Un'ibridazione rara e particolarmente ben eseguita. Le squame dei serpenti sono finemente marcate, la testa si alza nello spazio lasciato libero su entrambi i lati. Il busto e le braccia della figura sono quelli di un uomo virile, mentre la testa è quella di un cane o di un lupo rivolto a sinistra (che verrà identificata come quella del dio egizio Anubi con la testa di sciacallo). Per quanto riguarda l'abbigliamento, questo essere metà umano e metà animale indossa un exomide, un indumento da lavoro, formato dalla pelle di un animale con zoccoli, legato sulla spalla sinistra per liberare il braccio destro. Con la mano destra,

Stima 90 000 - 120 000 EUR

Escluse le commissioni di vendita.
Consulta le condizioni di vendita per calcolare l’importo delle spese.

Spese di vendita: 30 %
Aggiudicati il lotto al prezzo giusto inoltrando un rilancio automatico!
Il nostro sistema si farà carico il giorno della vendita di rilanciare al tuo posto fino all’importo massimo desiderato, senza rivelarlo alla casa d’aste !
Fai un'offerta
Spedizione

Ubicazione dell’oggetto :
Principato di Monaco - 98000 - monte-carlo

Questa soluzione di spedizione è facoltativa.

Potete utilizzare un corriere di vostra scelta.

Informazioni sull'asta

In vendita il martedì 07 feb : 09:30 (CET) , ripresa 15:00
monte-carlo, Principato di Monaco
Hôtel des ventes de Monte-Carlo
Visualizza il catalogo Consulta le CGV Informazioni sull’asta Esperti