Null Joseph Lucien Mignon FALIZE (1839-1897)

In oro 18 carati 750‰ e argento 2°…
Descrizione
Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

172 

Joseph Lucien Mignon FALIZE (1839-1897) In oro 18 carati 750‰ e argento 2° titolo 800‰, composto da un paio di orecchini e una collana in stile indiano, ornati da diamanti taglio rosa e turchesi. I pendenti sono di forma ovale, cesellati con volute traforate di motivi a foglia, evidenziati da una punteggiatura di diamanti tagliati a rosa all'esterno e da sfere all'interno. Il sistema a clip è fissato sul retro di un fiore polilobato, i cui petali sono incastonati con turchesi calibrati tagliati a cabochon e il centro con un diamante tagliato a rosa. I sistemi a molla per orecchie non forate sono firmati ALOUIS. La collana è composta da ventuno piastre oblunghe, di dimensioni crescenti, montate su una catena, ornate da una decorazione traforata di intrecci, foglie e un fiore polilobato, i cui petali sono incastonati con turchesi calibrati tagliati a cabochon, il centro con un diamante tagliato a rosa. La parte superiore è incastonata con turchesi taglio pan di zucchero, evidenziati da sfere, mentre il bordo inferiore è incastonato con diamanti taglio rosa. La placca centrale è impreziosita da un lungo motivo floreale con diamanti taglio rosa. Chiusura a cricchetto. I segni di garanzia sono successivi. Lievi torsioni della catena, sostegno della collana che rinforza le maglie indossate. In una custodia in pelle blu e velluto e raso bianco, firmata L. FALIZE FILS, Grand Prix 1878, Parigi, 43, Avenue de L'Opéra. Ammaccature sul coperchio della custodia. Altezza degli orecchini 6 cm Larghezza degli orecchini 3,50 cm Lunghezza della collana 36,50 cm Altezza della collana nella sua massima ampiezza 6,40 cm Peso lordo 97,40 g Cronologia Lucien Falize, figlio di Alexis Falize, nasce a Parigi il 4 agosto 1839. 1871, creazione della ditta Falize & Fils; 1873, padre e figlio abitano al 43 avenue de l'Opéra; 1875, registrazione del marchio Falize Ainé & Fils, abitano al 35 o 55 ? avenue de l'Opéra; 1875, cancellazione del marchio di Alexis Falize; 1876, ritiro di Alexis Falize; 1878, Grand Prix all'Esposizione di Parigi; 1880, scioglimento della ditta Falize & Fils; dal 1880 al 1892, associazione di Lucien Falize e Germain Bapst al 6 di rue d'Anjou; 1892, registrazione del marchio di Lucien Falize. Notiamo che Lucien Falize è solo tra il 1878 e il 1880. Questo periodo potrebbe corrispondere alla datazione del set. Inoltre, l'iscrizione molto tardiva del marchio di Lucien Falize potrebbe spiegare l'assenza di un marchio su quest'opera. Lo stile indiano Il motivo degli orecchini si basa sul buta o paisley, che è la convergenza di uno spray floreale stilizzato e di un cipresso: un simbolo zoroastriano di vita ed eternità. Il cedro "piegato" è un segno di forza e resistenza, ma anche di modestia. Il motivo floreale ebbe origine nella dinastia sassanide e successivamente nella dinastia safavide di Persia (1501-1736) e fu uno dei principali motivi tessili in Iran durante le dinastie Kadjar e Pahlavi. All'epoca, il motivo era utilizzato per decorare le regalie reali, le corone e gli abiti di corte.

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati

Forse ti piacerebbe anche

Joseph-Antoine Bernard (1866-1931) Giovane ragazza Modello creato intorno al 1906 Prova in bronzo con patina marrone-verde Firmato "J BERNARD" sulla terrazza. Pubblicato da Hébrard prima del 1934 reca il timbro del fondatore "A.A. HEBRARD CIRE PERDUE Il bronzo reca un'iscrizione manoscritta "cire perdue Hébrard / J Bernard 90.000 H. 55 cm, su base di marmo H. 3,5 cm La composizione generale di questo nudo di donna intitolato Giovane Giovinezza è in linea con la riflessione di uno dei modelli più famosi dello scultore dell'Isère Joseph Bernard, quello della Grande Baccante, che sembra aver occupato l'artista per molti anni all'inizio del XX secolo. Nella versione originale, presentata nel 1912 al Salon d'Automne, la giovane sacerdotessa di Bacco tiene in mano un pampre con un movimento simile alla danza. Il posizionamento dei piedi in rotazione interna determina un atteggiamento falsamente instabile che si riscontra spesso nell'arte dello scultore (Ragazza con brocca o portatrice d'acqua, modello realizzato nel 1910). Conferisce alla figura un dinamismo leggero e giovanile che manifesta, al di là di una scena baccanale, la predilezione dell'artista per il tema della danza e la sua fascinazione per il corpo in movimento. La nostra figura ha un fusto più lungo, un gesto più flessuoso e un atteggiamento più aggraziato rispetto alla riduzione in bronzo nota come Petite Bacchante, prodotta a partire dal 1919 e originariamente numerata 25 esemplari. Senza la presenza dei pannolini nelle mani della nostra giovane donna, l'ondulazione che va dal braccio piegato alla mano destra contro la guancia e fino al gomito sollevato sopra la testa è stata sottilmente accentuata. Il rilievo della Festa dei Pampers scolpito in pietra di Lens (203 x 161 x 45 cm, Saint-Rémy- Lès-Chevreuse, collezione della Fondation de Coubertin), il disegno della giovane donna panneggiata (inchiostro su carta satinata, dim. 26,8 x 11,5 cm, famiglia Bernard-Doutrelandt) e i due Studi per la giovane donna (inchiostro e matita su carta satinata, 52,3 x 21 cm e inchiostro e matita su carta satinata, 52,4 x 21 cm, Saint-Rémy-les-Chevreuses, collezione della Fondation de Coubertin), tutti raffiguranti modelli di giovani donne con lo stesso atteggiamento ma senza nappa, permettono di datare la creazione del nostro modello intorno al 1906/1910. L'edizione fu rilevata dal famoso editore e mercante d'arte Hébrard, che nel 1908 organizzò una mostra dedicata all'artista nella sua galleria. L'edizione era originariamente prevista in dieci copie, ma sembra che sia rimasta incompiuta e nel 1934 ne sono state censite solo tre. Opere correlate: - Joseph-Antoine Bernard, Petite bacchante ou Faunesse ou Jeune faunesse, 1911 circa, marmo asiatico, H. 59 cm, Famille Bernard-Doutrelandt, inv. n. CR 177. - Joseph Antoine Bernard, La fête des Pampres, 1906-1907, pietra di Lens, taglio diretto, dimensioni 203 x 161 x 45 cm, Saint-Rémy-les-Chevreuses, collezioni della Fondation de Coubertin. - Joseph Antoine Bernard, Grand Bacchante ou Jeune faunesse, tra il 1912 e il 1919, dim 173,5 x 45 x 51 cm, Parigi, Musée d'Orsay, inv. n. RF 4611. Letteratura correlata: - René Jullian, Jean Bernard, Lucien Stoenesco Pascale Grémont Gervaise, Joseph Bernard, Ed. Fondation de Coubertin, Saint-Rémy-les-Chevreuses, 1989, un esemplare illustrato a p.146 al n°63, p.403 e modello elencato al n°85 p.284. - Sylvie Carlier, Alice Massé, Joseph Bernard. De pierre et de volupté, catalogo della mostra tenutasi al Museo Paul Dini, Villefranche sur Saône dal 18 ottobre 2020 al 25 aprile 2021, n° 129, 170, 171, 172 , p.214, pp.255-257, p.334, p.336. - Claire Barbillon, L'anti-bacchante, entre perte d'identité et figures d'ambiguïté, p.171, in Bacchanales modernes, le nu, l'ivresse et la danse dans l'art français du xixe siècle, catalogo della mostra tenutasi dal 1 luglio al 3 ottobre 2016 al Musée des Beaux-Arts de Bordeaux e Ville d'Ajaccio-Palais Fresch Musée des Beaux-Arts, Silvana Editoriale, pp.174-175