Luce della porta della capanna Kanak jöpwö, Nuova Caledonia. 
Legno duro con pat…
Descrizione
Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

89 

Luce della porta della capanna Kanak jöpwö, Nuova Caledonia. Legno duro con patina marrone scuro e nera H. 157,5 cm . Periodo: XIX secolo Provenienza : - Raccolta in situ intorno al 1900 da Armand Victor de Lartigue (1860-1931), ufficiale della Marina francese. - Tramandato in famiglia Tra i Kanak, il simbolo del potere è interamente concentrato nella casa donata al capo dagli anziani delle famiglie del paese. L'architettura di questa "Grande Case" è la rappresentazione della società organizzata intorno al capo, l'intercessore tra i vivi e gli spiriti degli antenati. Le sculture che ornano la porta sono un'evocazione della visione che gli antenati avevano del Paese, legittimando il potere dei vivi. (In. Carnets Kanak - Voyage en inventaire di Roger Boulay, pag. 28) Di grande significato simbolico nella cultura vernacolare, le appliques ornavano le porte delle case cerimoniali Kanak su entrambi i lati. I primi esploratori, tra cui Cook e d'Entrecasteaux, testimoniarono la qualità di questi bassorilievi scolpiti, che attirarono anche l'attenzione degli osservatori dei primi anni del XX secolo, come il naturalista Fritz Sarasin, la cui fotografia scattata nel 1910-1911 illustra il continuum della decorazione architettonica. Potente evocazione della figura dell'antenato nella cultura Kanak, quest'opera testimonia anche il vigore dei suoi canoni estetici. Sotto la fronte, dove si può intuire il breve collegamento a spina di pesce del cordino di una fionda, lo sguardo è inscritto sotto una marcata arcata sopraccigliare. Il naso potente contrasta con la doppia rientranza della bocca. L'apertura in alto è stata utilizzata per collegare l'applique all'arcareccio di gronda e ai pali della torre dell'architettura con l'aiuto di viti. I due terzi inferiori, decorati a bassorilievo con una successione di sapienti intrecci, evocano le legature che sorreggono l'antenato defunto, avvolto in un sudario vegetale. Questo bellissimo groviglio di quattro cravatte unite da fili è notevole nella sua scultura, così come nel realismo del suo design. Questa pratica mortuaria è descritta nella letteratura della fine del XIX secolo: "Gli uomini si allineano in cerchio e passano di mano in mano il morto avvolto nelle stuoie" (Docteur Vincent, 1895, In. Kanak - L'art est une parole, pagina 272). Da questo sudario vegetale sporge solo la testa dell'antenato di cui si commemora la presenza, come in questo caso. La base dell'opera, erosa e priva di decorazioni, era conficcata nel terreno, a volte fino a venti centimetri di profondità. Era più precisamente tenuta in posizione dalle pietre che compongono il tumulo della capanna (in Roger Boulay, La grande case Kanak, pag. 283). A conferma dell'appartenenza del nostro esemplare al corpus delle antiche appliques, notiamo la sua naturale convessità. Gli attacchi ciclonici, in particolare, hanno indebolito i grandi alberi e favorito lo scavarsi del loro cuore. Una volta a terra, questi pezzi di legno curvi, che la loro caduta in un ambiente fungino ha finito di marcare, sono stati presi e lavorati, conservando il volume arrotondato. È a partire dall'introduzione degli strumenti occidentali in Nuova Caledonia che sono state realizzate le applique rettilinee. Conservata nella stessa collezione privata per più di un secolo, quest'opera commemorativa, destinata a tenere a portata di mano la protezione dell'antenato, è una preziosa testimonianza della cultura Kanak giunta fino a noi. Bibliografia : Docteur Vincent, Les Canaques de la Nouvelle-Calédonie, esquisse ethnographique, Paris, A. Challamel, 1895 Carnets Kanak - Voyage en inventaire di Roger Boulay, Edizioni Musée du Quai Branly Jacques Chirac, Parigi, 2022 Kanak - L'art est une parole, Edizioni Musée du Quai Branly Jacques Chirac/Acte Sud, Parigi, 2013 Roger Boulay, Hùp - Etnologia ed estetica della statua della Grande Case kanak, Edizioni de L'Etrave, Igé, 2022 Roger Boulay, La grande case Kanak, Les rapports entre architecture et sculpture en Nouvelle, tesi di dottorato, Università di Parigi I, Panthéon Sorbonne, 1986. Roger Boulay, La maison Kanak, Collection Architectures traditionnelles, Parenthèse - A. D. C. K. - Orstom, Marsiglia, Nouméa, Parigi, 1990 Raccolta in situ intorno al 1900 dall'ufficiale di marina Armand Victor de Lartigue (1860-1931). Esperto: Emmanuelle MENUET, Membro dello SFEP +33 06 70 89 54 87 - emenuet.expertises@gmail.com

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati