3472 

JOHN FREDERICK LEWIS(Londra 1805-1876 Walton-on-Thames, Surrey)Un falsario alla porta di una moschea - Costantinopoli. (Un pellegrino supplicante alla porta di una moschea - Costantinopoli). 1863.Acquerello, gouache, matita.Firmato e datato a penna e inchiostro marrone in basso a sinistra: J.F.Lewis ARA 1863. Timbro sul retro dell'incorniciatura: J & W Vokins, 14 Great Portland Street. Vecchia etichetta manoscritta: "The Mendicant Cairo by J.F. Lewis R.A.31,1 x 26 cm (dimensioni del foglio: 33,5 x 32 cm). Incorniciato.Provenienza:- Christie's, Londra, Collezione Myles Birket Foster, 28 aprile 1894, lotto 24 (come: Il Mendicante - Interno di una casa turca), 1863. - Sotheby's, Londra, 24 febbraio 1960, lotto 47 (come: Il Mendicante, Cairo).- Sotheby's, Londra, 15 giugno 1960, lotto 18 (come: Il Mendicante, Cairo).- Proprietà privata Svizzera.Mostre:- Londra, Royal Academy, Winter Exhibition, 1891, acquerelli, n. 141 (come: Il Mendicante). Letteratura:- The Athenaeum 21 febbraio 1891, p.256; General Major Michael Lewis C.B.E., John Frederick Lewis R.A. 1805-1876, Leigh-on-Sea, F. Lewis Publishers Ltd, No. 586, p. 95 (come: A Mendicant).Nel 1864, l'anno successivo alla realizzazione di questo acquerello, Lewis era all'apice della sua carriera. Il suo grande dipinto L'Hosh della casa del Patriarca copto, al Cairo, è stato appeso in un posto d'onore nella East Room della Royal Academy (n. 110). Un critico autorevole lo ha elogiato come "uno dei più brillanti tra i suoi dipinti" .... L'intera scena è piena di vita, colore e luce (Athenaeum, 7 maggio 1864, p. 651). Per il Times, pur essendo "un po' sconcertante nella sua varietà - diciamo 20 immagini in una", era un "quadro di meravigliosi dettagli". La luce del sole cade attraverso i rami dell'acacia e mette alla prova il selciato, mentre, a metà tra luce e ombra, i piccioni svolazzano e tubano .... (30 aprile 1864, p. 14). Anche tre dipinti più piccoli esposti quell'anno sono stati menzionati dalla critica. Tra queste, A Fakir at the Door of a Mosque - Constantinople (n. 133), che, come ha osservato l'Athenaeum, "mostra un sacerdote seduto all'ombra di una veranda, mentre fuori, al sole, un discendente del Profeta con un turbante verde lo implora". L'immagine è dipinta con un'ampiezza maggiore di quella abituale in Mr. Lewis" (1864, p. 651). Si tratta chiaramente della scena raffigurata nell'acquerello qui presente, dipinto un anno prima. Si tratta di uno dei duplicati che Lewis realizzava abitualmente dei dipinti a olio che intendeva esporre alla Royal Academy. Mostra due uomini che si fronteggiano nel cortile di una moschea. Uno è un arzuhalci (scrittore di lettere pubbliche) seduto nel portico di un piccolo edificio con una grondaia sporgente - probabilmente una Türbe (tomba) - di cui si vede a sinistra la porta aperta con una tenda di cuoio arrotolata (perde); accanto a lui c'è la sua cassetta/scrivania con sopra la penna d'oca e il portapenne (divit). Fuori dal cortile si trova il suo supplicante, un fachiro o un povero (nonostante il turbante verde che indica il suo status di hacı o pellegrino della Mecca), che chiede l'elemosina, che apparentemente non riceve, poiché l'arzuhalci, con un'espressione altera sul volto, non alza lo sguardo dal libro aperto (probabilmente un testo religioso) che cattura la sua attenzione. Lewis rafforza il divario tra i due, ponendo uno su un comodo cuscino nella frescura del portico e lasciando l'altro in piedi nel bagliore del cortile aperto. Intorno a lui ci sono piccioni che svolazzano nell'aria e beccano il terreno, e sopra di loro le foglie verdi di un grande albero: entrambi riecheggiano il dipinto più grande The Hosh, esposto lo stesso anno. Sulla destra si trova lo şadırvan per le abluzioni, mentre sullo sfondo una porta aperta offre una vista sulla stanza al di là della quale si trova un'altra moschea o doorbe. Una seconda figura, anch'essa seduta nel portico, è ugualmente intenta a scrivere. In primo piano c'è il gatto sonnacchioso e superbamente caratterizzato che compare spesso nei dipinti di Lewis, soprattutto in compagnia di una figura che scrive o legge. Gli artisti occidentali che ritraggono gli scriventi pubblici in Oriente li mostrano più spesso mentre scrivono lettere dettate da donne, sottolineando il loro analfabetismo in un'epoca in cui le donne europee di tutte le classi erano più alfabetizzate. Lo stesso Lewis aveva realizzato una propria versione di questo motivo popolare, Lo scriba arabo, Il Cairo (Lusail Museum / Qatar Museums, Doha), ad acquerello per una delle sue prime esposizioni alla Society of Painters nel 1852, poco dopo i suoi undici anni.

Informazioni sull'asta

zurich, Svizzera