Null 
Antoine-Jean GROS detto Barone GROS (Parigi, 1771 - Meudon, 1835) 


Carlo…
Descrizione
Tradotto automaticamente con DeepL.
Per visualizzare la versione originale, clicca qui.

42 

Antoine-Jean GROS detto Barone GROS (Parigi, 1771 - Meudon, 1835) Carlo Magno e Ildegarda, bozzetto per la cupola del Pantheon Tela originale. Altezza: 128,5 cm 128.5 - Larghezza: 128 cm Provenienza: vendita dopo la morte dell'artista, Parigi, 23 - 27 novembre 1835 (Me Bonnefons), n°18 (105 fr); probabilmente acquistato da Etienne François Haro, Parigi (il suo marchio è sul retro della tela). Bibliografia: Jean-Baptiste Delestre, Gros, sa vie ses ouvrages, seconda edizione, Jules Renouard Libraire, 1867, p.251 (menziona che il dipinto era piegato in quattro); J.Tripier- Lefranc, Histoire de la vie et de la mort du baron Gros, le grand peintre, 1880, p.675 (Charlemagne et Hildegarde; grande studio). Esperto: Gabinetto Turquin, Stéphane Pinta. Nel 1806, un decreto di Napoleone ristabilì il culto cattolico nel Pantheon, che fu ribattezzato chiesa di Sainte-Geneviève. Il ministro degli Interni, Jean-Pierre Bachasson de Montalivet, incaricò Antoine-Jean Gros di decorare la cupola nel 1811 (in realtà, è composta da tre cupole interconnesse, con la parte dipinta su quella intermedia). Il primo progetto, conservato al Musée du Petit Palais di Parigi, raffigura l'Apoteosi di Santa Genevieve che riceve gli omaggi di Clodoveo, Carlo Magno, San Luigi e Napoleone I, ciascuno con la propria consorte. Evocano le dinastie che hanno governato la Francia: i Merovingi, i Carolingi, i Capetingi e i Bonaparte. Napoleone era accompagnato dall'imperatrice Maria Luisa e da suo figlio, il re di Roma, ma alla sua caduta la coppia fu sostituita da Luigi XVIII con la nipote, la duchessa di Angouleme. Il completamento di quest'ultimo gruppo è stato complicato e ritardato da successivi cambi di regime. La cupola fu finalmente inaugurata nel novembre 1824 davanti a Carlo X, che si arrampicò sulle impalcature. In questa occasione, Gros ricevette il titolo di barone e 50.000 franchi. Nella vendita del suo studio nel 1835, il nostro dipinto fu venduto come lotto insieme a un altro bozzetto per il gruppo di Clodoveo e Clotilde, acquisito dal Musée du Petit Palais nel 1986. Altri studi sono elencati anche per il volto di Carlo Magno (vendita Christie's Monaco, 2 dicembre 1989). Tripier-Lefranc (op. cit.) segnala l'esistenza di altri studi per la figura, tra cui tre a figura intera e due di testa di dimensioni diverse, di cui il nostro è il più grande. La figura di Carlo Magno è stata modificata nella composizione finale rispetto al nostro schizzo, e girata dall'altra parte. Rinunciando allo sfregamento davidiano, Antoine-Jean Gros adotta una pennellata ampia con, in alcuni punti, effetti di impasto come i tocchi di luce sul globo e sulla spada. L'ampio gesto del monarca deriva dalle figure di Dio della Cappella Sistina, conferendogli una grande monumentalità. La composizione è forte, attorno a una "X" formata dalle braccia da un lato e dalla linea che va dalla testa piegata di Ildegarda alla spada dall'altro, temperata dalle ondulazioni del grande mantello rosso ricamato in oro. I colori sono schietti e vivaci, e annunciano gli accordi stridenti del romanticismo. Carlo Magno è raffigurato in mezza età con la sua famosa barba, qui marrone e non bianca come spesso accade nella sua iconografia. Gros si ispirò alle regalie esposte nel "Museo" del Louvre, tra cui lo scettro di Carlo V, raffigurante Carlo Magno che regge il globo, utilizzato da Napoleone I durante l'incoronazione (cfr. Napoleone I sul trono imperiale di Ingres, 1806, Parigi, Musée de l'Armée). Assunse la stessa forma di corona, scartando quella dei sovrani del Sacro Romano Impero conservata nel Tesoro Imperiale di Vienna. Alla sua cintura è appesa la "Joyeuse", la spada utilizzata per l'incoronazione dei re di Francia (conservata al Museo del Louvre), il cui pomo il pittore indica come decorato con traverse. Ha anche cercato di avvicinarsi a una realtà archeologica attraverso i gioielli indossati dai monarchi. Le fibule d'oro e di granato che reggono i loro mantelli ricordano modelli merovingi vicini ai gioielli ritrovati nelle tombe di Childerico I (BNF). Il dossier completo del Cabinet Turquin da scoprire su farran-encheres.com

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati