30 

NAPOLEONE I. Manoscritto autografo firmato "Napoleone" nel testo, con una postilla autografa firmata da Emmanuel de Las Cases (padre) e alcune righe di mano del figlio. Sainte-Hélene, n.d. 1/2 p. in-folio. PREZIOSISSIMO MANOSCRITTO AUTOGRAFO DI NAPOLEONE I. PER LE SUE MEMORIE SCRITTE A SAINTE-HÉLENE. Versione primitiva del piano di una parte delle Memorie, corrispondente al riassunto del testo intitolato "13 Vendémiaire", che compare come capitolo III della parte "Guerre d'Italie" nell'edizione del 1823 (Mémoires pour servir à l'histoire de France sous Napoléon Ier, t. III), poi come parte autonoma nell'edizione del 1869 (Correspondance de Napoléon Ier, t. XXIX). La versione stampata manterrebbe la stessa cronologia, ma con suddivisioni diverse. Bonaparte come salvatore della Repubblica durante l'insurrezione del 13 Vendemmia (5 ottobre 1795). Considerando che la maggioranza dei francesi era ostile ai Terroristi e osservando il crollo del movimento giacobino dopo gli abortiti colpi di stato di Germinal e Prairial, i realisti potevano nutrire la speranza di vincere presto le elezioni. La Convenzione, dopo aver preso un decreto elettorale che garantiva il rinnovo della maggioranza repubblicana, tentò un colpo di Stato militare il 13 di Vendemmia, appoggiandosi a una trentina di sezioni parigine. La Convenzione affidò la sua difesa a Barras, inizialmente affiancato da Menou, che si rivelò inefficace e fu presto sostituito da Bonaparte, che aveva dato prova del suo repubblicanesimo durante l'assedio di Tolone. Bonaparte dimostrò ancora una volta la sua determinazione e la sua abilità impadronendosi dei cannoni dell'accampamento dei Sablons a Neuilly, che gli permisero di fermare gli insorti davanti alla chiesa di Saint-Roch a colpi di mitragliatrice. Questo successo confermò la fortuna di Bonaparte, che mantenne a lungo il soprannome di "Generale Vendémia" che i realisti gli affibbiarono. Nella pagina attuale, il figlio di Las Cases, che fu occasionalmente segretario di Napoleone I, a Sainte-Hélène, aveva scritto prima un titolo con un riassunto in tre punti: "Dal 13 Vendémiaire (5 8bre 1795) alla fine di marzo 1796. Spazio di 7 mesi. 13 vendémiaire. Comandante dell'esercito dell'Interno Nomina al comando dell'esercito d'Italia. L'imperatore cancellò poi questo testo e scrisse sotto questa versione ampliata: "I. Costituzione dell'anno 3. II. Leggi aggiuntive alla Costituzione. III. Le leggi aggiuntive vengono accettate dalla maggioranza delle assemblee primarie, ma respinte a Parigi. IV. Resistenza aperta delle sezioni di Parigi, hanno a disposizione la Guardia Nazionale. V. Menou viene rimosso da comandante in capo dell'esercito dell'Interno e viene messo agli arresti. VI. Disposizioni della Guardia Nazionale di Parigi per attaccare Les Tuilleries. Mettere in difesa della Convenzione. VII. Lotta dei 13 vendémi aire. VIII. Il giorno dopo 13 Vendemmia. IX. Napoleone viene nominato comandante in capo dell'esercito dell'interno. X. Carattere degli amministratori. "Napoleone nominato comandante in capo dell'esercito d'Italia", scritto e poi cancellato da Napoleone. LE MEMORIE DI NAPOLEONE O LA PROMESSA MANTENUTA DELL'ADDIO A FONTAINEBLEAU. Napoleone I aveva detto nel 1814 ai suoi ultimi fedeli: "Scriverò le grandi cose che abbiamo fatto insieme", e avrebbe ripetuto a Las Cases all'inizio dell'agosto 1815: "Scriveremo le nostre Memorie". Sì, è necessario lavorare, ma il lavoro è anche la falce del tempo. In fondo, bisogna compiere il proprio destino, anche questa è la mia grande dottrina. Bene, allora! Che il mio si compia. Consapevole del posto di rilievo che aveva occupato nella storia del suo tempo, dedicò lunghe ore a Sainte-Hélène a dettare - più raramente a scrivere - il resoconto delle sue campagne e le analisi militari e politiche del suo tempo. Questi testi autobiografici e storiografici, scritti in terza persona, costituiscono quindi una vera e propria somma di grande interesse per la comprensione del suo pensiero. Una grande opera storica e un monumento alla sua leggenda. Lontano dal potere, il monarca deposto si accinse a plasmare la sua immagine per i posteri, lui che a suo tempo aveva saputo giocare magistralmente con tutti i mezzi di comunicazione per imporre il suo personaggio pubblico come generale rivoluzionario vittorioso, come console pacificatore e legislatore prima, e come imperatore onnipotente e benefico poi... UNA VERA AVVENTURA EDITORIALE: la pubblicazione di queste "memorie" avvenne in più fasi, dal 1820 al 1869. Furono pubblicati per la prima volta in edizioni parziali da Gourgaud nel 1818, O'Meara nel 1820 e Las Cases nel 1823. In modo non esaustivo, e in un ordine cronologico disturbato, nel 1823-1825 fu data un'edizione molto ampia sotto il titolo di Mémoires pour servir a l'histoire de France sous Napoléon Ier, ripubblicata nel 1830 in una cronologia ristabilita, mentre la parte dedicata all'Egitto, rimasta inedita, apparve separatamente nel 1847. Il tutto è stato ripubblicato da Pet

Le offerte sono terminate per questo lotto. Visualizza i risultati