Drouot.com>Arti del mondo>Arte islamica

Arte islamica

Lotti consigliati

Indagine sull'arte persiana dalla preistoria a oggi. Londra, New York, Oxfor University Press, 1938-1939. 3 volumi di testo e 6 volumi di tavole in folio, 378 x 287 (testo), 374 x 283 (tavole). testo e tavole: xviii, 895 pp; xi pp, pp.897-1807; xi pp, pp. 1809-2817, 1 carta; (1 f. bianco), ix pp, (1 f.), 75 tavole, (1. f.), tavole 76-127, (1 f.), (1 f.), tavole 128-145, (1 f.), tavole 146-257; (1 f. bianco, ix pp.), (1 f.), tavole 258-554; (1 bianco), ix pp., (1 f.), tavole 555-811; vii pp., (1 f.), tavole 812-980; ? pp., (1 f.), tavole 981-1106, (1 f.), tavole 1107-1275; vii pp., (1 f.), tavole 1276-1433, (1 f.), tavole 1434-1482. Mezzo marocchino nero con angoli e dorso dorati, senza tagli per i volumi di testo e mezzo marocchino nero con angoli per i piatti (rilegatura e cofanetto dell'editore). Prima edizione di questa notevole e monumentale opera collettiva sull'arte persiana dalla preistoria, curata dallo storico dell'arte Arthur Upham Pope (1881-1969) e dalla storica Phyllis Ackerman (1893-1997). L'opera consiste in tre volumi di testi con studi di numerosi specialisti di diverse nazionalità, tra cui, oltre ai curatori, Ernst Herzfeld, Sir Arthur Keith, René Grousset, Sir E. Denison Ross Ross, R. de Mecquenem, Rogers Warren, Eric Schroeder, André Godard, Farajollah Bazl, ecc. Questi numerosi testi sono suddivisi in 15 parti: I. Introduzione. - II. Arte preistorica. - III. Arte achemenide. - IV. Arte partica. - V. Arte sasanide. - VI. L'architettura del periodo islamico. - VII. L'arte della ceramica. - Vill. Calligrafia ed epigrafia. - IX. La pittura e l'arte del libro. - X. Le arti tessili. -XI. Tappeti. - XII. Le arti della lavorazione dei metalli. - XIII. Arti minori. -XIV. Ornamento. -XV. Musica. L'edizione è illustrata con numerose riproduzioni in nero nel testo, una cartina pieghevole a colori della Persia e comprende 1483 tavole, numerate da 1 a 1482 più la tavola 1179a, in 6 cartelle, che offrono diverse migliaia di riproduzioni fotografiche in bianco e nero e a colori di reperti archeologici, opere d'arte e vedute architettoniche.

Stima 1.000 - 1.500 EUR

Antar, poema eroico arabo. Parigi, Piazza, 1898. 1 volume di testo e 1 volume di sequenze, ovvero 2 piccoli volumi in folio uniformemente rilegati in mezza marocchina marrone con angoli, dorso liscio a mosaico, filetto dorato che incornicia le tavole, testatine dorate, copertine conservate (Champs-Stroobants). Edizione limitata a 300 esemplari; uno dei 10 su pergamena speciale Arches, illustrato con un bel titolo in cornice incisa, 125 pagine di testo, ognuna decorata da un disegno (ogni prima pagina di ogni capitolo è in una cornice diversa con una propria tipografia), 5 illustrazioni fuori testo e numerose vignette, testatine e code, tutte a colori di E. Dinet, e contenente inoltre una suite a colori su japon e una suite in nero su china. Un esemplare superbo in una rilegatura orientalista dell'epoca. Un'opera assolutamente magnifica. Le illustrazioni di Dinet danno vita alla leggenda di Antar: il trionfo del bene sul male. L'autore ha trascorso gran parte della sua vita nel Magreb. Ritrae la gente del deserto e la sua cultura come pochi artisti hanno fatto prima di lui. Tutte le sue illustrazioni sono state tratte dalla vita a contatto con gli abitanti del Sahara durante i molti anni che Dinet ha trascorso con loro nella misteriosa solitudine di questa regione. Si possono trovare scene di combattimenti, danze, cacce, feste, carovane ecc... Dinet (1861-1929) scoprì l'Algeria nel 1883 e si convertì all'Islam nel 1913. Pittore orientalista, nel 1905 si stabilisce definitivamente in Algeria a Bou Saâda ""la città della felicità della vita"".

Stima 4.000 - 5.000 EUR

GUILLAUMET (G.). Tableaux algériens. Précédé d'une notice sur la vie et les œuvres de Guillaumet par Eugène Mouton. Paris, Plon, 1888. - Grande volume in-4, cofanetto naturale decorato da un'ampia decorazione in verde e oro cesellata, impressa a freddo e parzialmente potenziata, punteggiata da arabeschi a mosaico color carminio (testa di cammello sulla copertina superiore, decorazione stilizzata sulla copertina inferiore), dorso a 2 nervi, nome dell'autore impresso a freddo e potenziato in rosso nello scomparto centrale, testatine dorate, copertine conservate. L'illustrazione comprende 12 incisioni su chine appliqué di Guillaumet, Courtry, Le Rat, Géry-Bichard, Muller e Toussaint, 6 eliografie di Dujardin, 128 incisioni (di cui 35 hors-texte) in rilievo tratte da dipinti, disegni e schizzi dell'autore. Copia arricchita da 3 disegni originali in varie matite nere: - cavallo" su carta colorata (218 x 180 mm), firmata con timbro dello studio - Campo arabo" su pergamena finemente colorata (135 x 214 mm), siglata nell'angolo a sinistra - cavalla e puledro" su pergamena (98 x 165 mm), firmato con il timbro dello studio Prima edizione postuma di questa raccolta di articoli del pittore-scrittore orientalista Gustave Guillaumet (1840 - 1887), frutto di oltre 10 soggiorni in Algeria e pubblicati tra il 1879 e il 1884 nella nuova rivista. Edizione limitata a 1080 esemplari, uno dei 900 su pergamena (Vicaire III, 1163). Esemplare molto bello in una spettacolare rilegatura orientalista di Nathalie Martin-Sabon (1855 - 1931), moglie dell'ingegnere e fotografo Felix Martin-Sabon che lavorò per la Commissione dei monumenti storici di Francia. Partecipò a diverse mostre di legatoria tra il 1900 e il 1914, ma i suoi lavori sono rari. Leggero foxing in alcuni punti. "

Stima 2.500 - 3.000 EUR